Come mi pongo riguardo Yogi Bhajan

Jesus-Woman-Adultery

(Nam Joti Kaur)

Yogi Bhajan ha cercato in ogni modo di farci comprendere che a essere importanti sono gli insegnamenti e non l’insegnante, che l’insegnante è solo un tramite per gli insegnamenti (usando la metafora del “postino” o quella del “tubo” che porta l’acqua ma che non è l’acqua) e che, per questa ragione, non aveva alcun senso divinizzare o idolatrare lui, né porsi, come insegnanti, su un “piedistallo” per essere “venerati”. Anche se non credo esistano in Italia Centri che praticano una forma di “Kundalini Yoga Cristo-centrico”, ho deciso di condividere in italiano questo articolo perché, partendo dall’esperienza assolutamente personale come membro negli USA della “Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni” (conosciuta anche come “Chiesa Mormone”), l’autrice arriva in modo chiaro e diretto al vero e profondo cuore di questo prezioso (e spesso disatteso) insegnamento di Yogi Bhajan. (Sujan Singh)

Jesus-Woman-Adultery

Io Pratico una versione “Cristo-centrica” del Kundalini Yoga. Quindi, lasciatemi prima parlare di Gesù Cristo.

Gesù Cristo era un personaggio controverso. Ha fatto cose “strane”. Ha messo le dita nelle orecchie delle persone e queste riuscivano a udire. Ha messo sputi e sporcizia negli occhi delle persone e ha ridato loro la vista.

È entrato nel tempio e ha rovesciato i banchi dei mercanti che lì vendevano. Ha urlato contro di loro e ha detto loro di uscire.

Ha chiamato i principali capi religiosi dei suoi tempi “vipere”. Questo era il più grande insulto che si potesse rivolgere loro. Molti lo amavano e lo seguivano e molti volevano ucciderlo. Non era lì per fare amicizia con nessuno. È venuto e ha fatto la volontà di COLUI che lo ha mandato. Ecco perché aveva un potere così grande ed era così amato da suo Padre.

Ora che è morto le persone sono confuse su chi fosse e anche su quali fossero i suoi rapporti con le donne. Alcune persone pensano che fosse asessuato. Alcuni dicono addirittura che avesse più “consorti” o partner sessuali.

La prova sostanziale che era sposato con Maria Maddalena è completamente sepolta alla vista dal canone cristiano. Anche le prove del suo trattare le donne come uguali o addirittura superiori agli uomini sono del tutto sepolte dal mondo cristiano tradizionale.

Non ha mai scritto da sé dei documenti, ma molte persone hanno preso nota delle sue parole. Tutti hanno scritto le proprie versioni di ciò che ha fatto, sulla base di quello che ritenevano fosse importante. E molte delle migliori annotazioni sono state tenute nascoste alla maggior parte delle persone fino a poco tempo fa.

Quando insegnava pubblicamente, molte persone non capivano i piani più profondi dei Suoi insegnamenti. Alcuni degli insegnamenti sembravano contraddirsi. Le persone chiamavano “blasfemia” molti dei suoi insegnamenti.

Stavo dicendo a un’amica che, se Gesù fosse vivo oggi, le persone probabilmente avrebbero intentato un’azione legale o un’indagine contro di lui e lei mi ha ricordato che l’hanno già fatto. Oh. È vero. Lo fecero. E lo crocifissero.

Ovviamente tutto questo era stato predetto. La maggior parte delle persone, sia allora che adesso, non sa per niente chi e cosa fosse.

Ecco, io sono Gesù Cristo, il Figlio di Dio. Sono colui che venne ai miei, ma i miei non mi accolsero. Io sono la luce che brilla nelle tenebre, e le tenebre non la comprendono (D&C 6:21)

In quanto membro della “Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni”, io conosco abbastanza bene le calunnie e le accuse contro il nostro fondatore religioso Joseph Smith. Vengono ancora raccontate bugie di ogni tipo su di lui e, soprattutto, sui suoi rapporti con le donne. Anche all’interno della Chiesa, il Dipartimento di Storia della Chiesa perpetua ancora parte di questa disinformazione. Perché? Credo che le cose siano complicate ogni volta che vengono coinvolti gli esseri umani. Dopo la sua morte le idee furono ricostruite o mal interpretate da alcune persone per il loro guadagno personale o per autorizzare le proprie azioni. Quando una persona è morta è facile inventare delle cose ed è difficile mettere insieme tutto quello che voleva fare quando ne hai solo una parte. I resoconti personali e i diari non sono fatti. Tutti volevano essere vicini al profeta o sostengono di avere una relazione speciale con lui. E se non era così, allora volevano condividere qualche insulto o offesa che lui aveva rivolto loro.

Restituire un bel po’ di verità a un mondo che non ha mai visto niente di simile da eoni è un GRANDE lavoro. È davvero difficile far uscire le persone dalle folli tradizioni dei millenni.

Ma non è l’unico nella storia a essere stato accusato di queste cose. Penso a Martin Luther King. Gandhi. Yogananda. Abramo Lincoln. Avevano tutti molti nemici e le parole degli odiatori erano tutte simili.

A eccezione di Gesù Cristo, erano tutti uomini e gli uomini sono imperfetti. E molti uomini sono corrotti. Quindi sarebbe facile credere che questo sia solo un altro caso di un uomo corrotto.

Se conosci Yogi Bhajan solo dai suoi video registrati, lo hai visto solo come insegnante. È lo stile dell’insegnante che è venuto da una cultura in India nella quale gli studenti lavoravano per mesi per dimostrare di essere degni dell’opportunità di apprendere questi potenti insegnamenti e per far schiacciare il proprio ego. Quello era il lavoro di un insegnante. Schiacciare l’ego. Una persona non diventa un maestro se è governata dal suo ego. In questo Paese, però, il nostro ego è più gigantesco che mai e non ci piace che venga rimodellato. Diciamo di volerlo, ma non è vero.

Quindi, lui insegnava secondo il suo noto stile culturale e costruiva l’aereo in aria. Nessuno aveva mai fatto quello che aveva fatto lui. Se giudichiamo il suo stile di insegnamento in base allo standard americano del trattare con i guanti del 2020, beh è come giudicare i tuoi nonni per essere stati stoici o per aver lavorato fino alla morte. Pensavano che fosse quello che dovevano fare per avere dei bravi bambini e/o una bella vita.

Io non ho mai conosciuto Yogi Bhajan personalmente e, per questo, penso di essere stata fortunata ad avere un diverso tipo di relazione con lui. Ero solita sentire storie su di lui e avevo sentimenti molto contrastanti. Sembrava affettuoso e divertente nelle storie personali che ho sentito, ma la sua immagine gigantesca durante la mia formazione da insegnante mi ha spaventato. Penso che, in fondo, molti americani abbiano ancora delle convinzioni razziste rispetto agli uomini indiani. Mi ci è voluto del tempo per superare tutto questo. Ho pregato per sapere chi fosse Yogi Bhajan e se fosse importante che avessi qualche relazione con lui. Perché, onestamente, sembrava che molte persone lo adorassero. Ho ricevuto un messaggio molto chiaro che era simile a Joseph Smith. Lui era venuto per ripristinare una tecnologia.

L’ho capito e l’ho apprezzato. Io non adoro Joseph Smith, adoro Cristo. Ma so che Joseph Smith era un profeta di Dio e le Scritture, la dottrina e altri insegnamenti che restaurò erano puri, veri e provenienti da Dio. Rispetto a ciò che altri dopo di lui hanno aggiunto, devo essere molto devota. Ma, di base, ho una testimonianza di Joseph Smith e sono grata per il suo coraggio e il suo ruolo (in divenire) in questa restaurazione della verità sulla Terra. E così mi sento riguardo Yogi Bhajan. Non lo adoro. E, per la cronaca, Yogi Bhajan non ha mai voluto essere adorato. Lui ha voluto condividere gli insegnamenti.

Man mano che ho approfondito il mio percorso nel Kundalini Yoga ho capito come ha sostenuto e ampliato la mia comprensione degli insegnamenti di Cristo e mi ha anche aiutata ad essere più simile a Cristo (questa è stata la cosa più sorprendente di tutte, perché ci stavo provando da molto tempo). Ora ho una relazione abbastanza solida con Yogi Bhajan (nello spirito).

Mi rattrista che pochissime persone abbiano capito chi fosse Yogi Bhajan e cosa stesse cercando di fare. Ha servito instancabilmente per portarci la tecnologia che sapeva sarebbe stata così necessaria in questo momento, quando avremmo sentito mancarci la terra sotto i piedi. Quel tempo è adesso, quando il grano e la pula vengono separati. Ha predetto tutto questo. Niente di tutto ciò lo sorprenderebbe. Ha mangiato la calamità a colazione e il tradimento a pranzo e viene rovinato da morto. Ma a lui non importa e, in effetti, probabilmente non è neanche troppo triste per questo. Perché Yogi Bhajan non è l’albero. Non è né le radici, né il tronco dell’albero. Non è i rami. Ha portato il seme qui e l’ha piantato e nutrito finché non è stato forte. Se desideri rivisitare la metafora della vigna in Isaia, c’è del buon frutto da studiare.

Devo dire che sono rimasta molto delusa da quello che ho visto nella comunità 3HO/KRI dal mio coinvolgimento, circa 14 anni fa. C’è molta corruzione e un sacco di persone insulse (non c’è da stupirsi che Yogi Bhajan fosse frustrato con loro a volte, ma erano i migliori con cui doveva lavorare e li amava comunque).

E, in verità, c’era molta adorazione di Yogi Bhajan. Le immagini più grandi della vita di lui erano ovunque. Non riuscivo a capirlo. Ma stavo proprio leggendo Isaia, spiegato da Avraham Giliadi e lui ci ricorda che Isaia (quell’antico profeta che ha profetizzato cose ai suoi giorni e ha previsto che ci sarebbe stata una ripetizione di queste ai nostri giorni) mise in guardia rispetto all’idolatria, e non solo opere delle mani degli uomini, ma anche le “immagini”. Ecco una citazione:

Un’ossessione per le immagini ha portato a una vita vissuta nell’irrealtà, cosa che ha reso le persone vulnerabili agli intrighi nemici e ha impedito loro di realizzare il loro potenziale divino. Le immagini erano allettanti come forma di idolatria perché catturavano l’immaginazione, in modo che le persone “adorassero la creatura piuttosto che il creatore” (Romani 1:25).

Fondamentalmente, noi viviamo in una cultura totalmente ossessionata dalle immagini: celebrità, grandi parrucche, atleti professionisti e potete pensare a un milione di altre cose. Il culto Yogi Bhajan ne era solo un’altra forma. Ha tenuto la comunità 3HO in uno spazio strano, incapace di progredire. Lo hanno trasformato in un sostituto di Dio, distraendosi da COLUI che lo ha mandato e dal vivere gli insegnamenti! A questo proposito penso che Guru Gobind Singh, il decimo Guru Sikh sia stato saggio nel porre fine ai Guru (in forma umana) e a rivolgere l’attenzione di tutti alla “Parola”.

Un’altra cosa che mi delude vedere nella comunità della 3HO (e ovunque nel mondo) è che c’è un desiderio sempre più grande di accontentare tutti e di non offendere nessuno. Questo è l’esatto opposto di ciò che Yogi Bhajan rappresentava e di ciò che tutti i grandi insegnanti rappresentano. Il vero insegnante dell’Acquario – raro – non ha paura di dire la verità, sapendo che non piacerà a tutti e che alcuni lo odieranno. Sebbene io sia del tutto a favore dell’amare tutti, non ho intenzione di fingere che il male sia buono e il bene sia cattivo solo per essere amica di tutti.

Come terapista che lavora con molte persone traumatizzate, capisco quanto ci sia bisogno di essere ascoltati, di identificarsi e di essere creduti. E so anche che la memoria è complicata e la mente crea MOLTA distorsione. Mentre il movimento #MeToo potrebbe aver dato alle donne più potere e il parlare ha aiutato molte a guarire i loro chakra della gola, non vedo che questo abbia guarito i nostri cuori. Sono sopravvissuta a un trauma per mano di uomini e so che ha offuscato la mia vista per anni. Ho plasmato tutta la mia vita intorno alle false credenze che ne sono derivate e che hanno plasmato molte delle mie esperienze.

So anche che essere una vittima a volte mi ha reso speciale. La mentalità da vittima è una forma di orgoglio (è il subdolo rovescio della medaglia). È anche un modo per controllare gli altri: esiste anche qualcosa come il “carnefice vittima”. So anche com’è essere dall’altra parte con persone che, dopo avermi insultato o violentato, hanno impersonato la vittima e poi hanno cercato di incolparmi e quindi di farmi diventare l’esecutrice – il che è un atto di perpetrazione. Cose complicate, vero? Diventa ancora più complicato quando lasciamo che la mente gestisca le cose. Questo è il motivo per cui abbiamo così tanto bisogno della tecnologia che Yogi Bhajan ci ha lasciato. E perché abbiamo bisogno dell’Espiazione di Gesù Cristo. Per liberarci della spazzatura e curare i nostri cuori.

Ho appena letto questa citazione qualche giorno fa e la adoro:

“Credo che sia un vostro diritto di nascita essere sani, felici, santi. Chi vi toglie il vostro diritto di nascita è vostro nemico. Chiunque vi dà il vostro diritto di nascita è vostro amico” Yogi Bhajan (Beads of Truth, Inverno 1980, p. 6).

Secondo questo standard, Yogi Bhajan è mio amico.

Quindi, se ti stai chiedendo da che parte sono, io sono per Gesù Cristo e per COLUI che lo ha mandato.

E io sono per COLUI che ha mandato Joseph Smith, Yogi Bhajan, Abramo Lincoln, Martin Luther King, Ghandi, Maria Maddalena, Eva, Aseneth, Guru Nanak e tanti altri.

Io sono per l’UNICO VERO DIO.

 

Traduzione e adattamento in italiano a cura di Sujan Singh, Nimrita Kaur e Nirvair Charan Singh

 

Download articolo

Hai trovato interessante questo articolo? Condividilo!

Torna Su